CuraItalia, le indennità di 600 euro

31 marzo 2020

Il Decreto “Cura Italia” varato a seguito della drastica sospensione della maggior parte delle attività lavorative, a causa della grave emergenza sanitaria, ha previsto alcune indennità economiche per far fronte alla crisi.

Tra i benefici che è possibile ottenere, vi è l’indennizzo di 600 euro previsto per:

· Liberi professionisti non iscritti a cassa previdenziale propria e non titolari di pensione, con partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020;

· Lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa
attivi alla data del 23 febbraio 2020, iscritti alla Gestione separata INPS;

· Lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;

· Lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali il cui rapporto di lavoro è involontariamente cessato nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto, che non titolari di pensione e non titolari di altro rapporto di lavoro dipendente alla data del decreto;

· Lavoratori iscritti al Fondo pensioni;

· Lavoratori dello spettacolo, non titolari di pensione, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo, da cui deriva un reddito non superiore a 50.000 euro;
· Lavoratori del settore agricolo a tempo determinato, non titolari di pensione, che nell’anno 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo.

Come si richiede?

La domanda potrà essere presentata a partire dal 1 aprile 2020 direttamente sul sito dell’INPS e l’indennizzo sarà erogato nello stesso mese.

Per la richiesta esistono due tipi di procedure, quella ordinaria e quella semplificata. Analizziamole

Procedura ordinaria:

In questo caso l’accesso al sito INPS e la presentazione della domanda potranno avvenire attraverso: PIN dispositivo rilasciato dall’Inps SPID di livello 2 o superiore Carta di Identità Elettronica 3.0 Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Dopo aver ottenuto il PIN, la procedura da seguire è la seguente: Entrare nella sezione personale del sito INPS attraverso il PIN cittadino Accedere Proseguire per Accesso servizi on line Nella barra di ricerca selezionare “Domande per prestazioni al sostegno del reddito” Selezionare “Indennità COVID-19".

Procedura semplificata

Dedicata ai cittadini sprovvisti degli strumenti previsti dall’INPS per la procedura ordinaria.

La modalità semplificata permette ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, inserendo soltanto le prime 8 cifre del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center.

Il PIN può essere richiesto tramite: Il sito internet www.inps.it, utilizzando il servizio “Richiesta PIN” Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure il numero 06 164164 (a pagamento da rete mobile).

Una volta ricevute, via SMS o e-mail, le prime otto cifre del PIN, il cittadino le può immediatamente utilizzare in fase di autenticazione per compilare e procedere all’invio della domanda online.

Si precisa, inoltre, ai soli fini informativi che l’INPS ha comunicato, che prossimamente, sarà prevista una nuova procedura di emissione del PIN con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che permetterà ai cittadini di avere in remoto un PIN con funzioni dispositive. Tale procedura permetterà di non attendere gli ulteriori otto caratteri del PIN, spediti tramite servizio postale.

Per tutti i chiarimenti sulle modalità di richiesta e gestione del proprio PIN, si può visitare il portale INPS dal dal sito ufficiale www.inps.it.

 
Per ricevere assistenza nell'invio delle domande, si rinvia agli uffici di Patronato Inas-Cisl della provincia di Caserta, oppure scrivendo a: [email protected].

Archivio news

 

News dello studio

apr8

08/04/2020

INPS: le novità sul PIN per l'accesso ai servizi web

DECRETO CURA ITALIA: PIÙ SEMPLICE L’ATTRIBUZIONE DEL PIN INPS PER L’ACCESSO AI SERVIZI WEB. a cura del dott. Francesco Passaretti Il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (cosiddetto

apr7

07/04/2020

Mobilità sociale e sanzioni al tempo del Coronavirus

A cura dell’Avv. Gianluca Bencivenga Oggetto: Covid-19, la sanzione penale Il Decreto Legge n.19 del 25 marzo 2020 ha finalmente messo un punto fermo in ordine alle sanzioni da applicarsi alle

apr2

02/04/2020

Covid-19 e la gestione degli affitti di immobili ad uso commerciale

A cura dell’Avv. Renato Migliore Oggetto: Sospensione dell’affitto di immobili ad uso commerciale in tempi di Covid19: riflessione giuridico-pratica. I provvedimenti ministeriali e governativi